Lo smartphone modulare, Project Ara

L’ambizioso progetto preso in carico da Google per realizzare il primo smartphone completamente assemblabile diventa realtà, prima del lancio internazionale vero e proprio, nelle strade di Porto Rico a febbraio 2015.
Si parte dall’endoscheletro: una base con tutti i vari slot che permetterà l’inserimento dei moduli come se fossero delle schede usb e per personalizzare, in base alle necessità di ognuno, il proprio smartphone.
Tutti i moduli (tranne la CPU e il display) saranno hot-swap: ciò significa che l’utente avrà la possibilità di cambiare le componenti hardware dello smartphone senza doverlo spegnere. I moduli saranno disponibili attraverso uno store online come Google Play Store e sono numerosissime le aziende partner di Google a essere attualmente al lavoro per sviluppare moduli con caratteristiche innovative mai viste prima, assicura Paul Eremenko.

madai!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...