Hoy toca el Prado: quadri in 3d per i non-vedenti

Grazie ai passi da gigante realizzati nel campo della stampa 3D negli ultimi anni, El Prado, una delle pinacoteche più importanti al mondo, ha aperto, in collaborazione con l’Organizzazione Nazionale Ciechi Spagnoli (ONCE), la mostra “Hoy toca el Prado”, sei quadri della collezione riprodotti con una stampante 3D per poter essere toccati da chi non può vederli.
Tra le opere 3D: Noli me tangere, del Correggio; La fucina di Vulcano, di Velázquez; Il parasole, di Goya; La Gioconda, di Leonardo da Vinci; Il gentiluomo dalla mano sul petto, di El Greco; Natura morta con carciofi, fiori e recipiente in vetro, di Van der Hamen, tutte stampate con uno spessore di un massimo di 6 millimetri e collocate su dei ripiani reclinati per essere letti dai non vedenti con il tocco della mano.
La mostra Hoy toca el Prado non è la prima esposizione dedicata agli ipovedenti: il percorso “Guardare con le mani” del GAM di Milano,  il Musée d’Oray e il Louvre in Francia o i musei berlinesi che sperimentano già da tempo percorsi tattili; ricordiamo in Italia, il Museo Nazionale Omero di Ancona che raccoglie calchi in gesso di opere di grande importanza.
Il digitale entra nei musei per favorire l’accessibilità da parte di visitatori con disabilità.

madai!

 

Annunci

Un pensiero su “Hoy toca el Prado: quadri in 3d per i non-vedenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...